Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 27 Settembre 2021
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 “Alta vitalità delle imprese e basso dinamismo del Comune”
Conferenze stampa

Contrasto diffusione Covid-19: le operazioni di sanificazione e igienizzazione

9 aprile 2020 - ore 10.00 - Campo di Marte, davanti alla farmacia comunale 1

Nuovi marciapiedi in città

5 marzo 2020 - ore 12.00 - Via Giotto

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Alta vitalità delle imprese e basso dinamismo del Comune”

Dichiarazione del capogruppo consiliare Pd, Luciano Ralli

Due notizie s’intrecciano. La prima: Arezzo vanta, si fa per dire, l’amministrazione comunale capoluogo che spende meno, per servizi e investimenti, a livello pro-capite in tutta la Toscana. La seconda: il quotidiano Sole24ore ha individuato decine di nuove fabbriche in Toscana, molte sono in provincia di Arezzo ma concentrate soprattutto in Valdarno e Valdichiana mentre il Comune di Arezzo è mestamente la Cenerentola del gruppo.

Stiamo parlando di fabbriche e quindi di manifatturiero e di lavoro ma, soprattutto, di attività orientate all’innovazione. Questa tendenza richiama nuove responsabilità per la pubblica amministrazione e quindi per il Comune di Arezzo. Prima che i vessilliferi del silenzioso sindaco Ghinelli ricordino a tutti noi che la più bassa spesa in Toscana potrebbe essere indice di Comune attento e risparmioso, vorrei precisare che la polemica politica non mi interessa.

Da troppi anni il sistema imprenditoriale, sintonizzato sulla vitalità, e quello istituzionale, sintonizzato sull’immobilismo, non dialogano davvero su una strategia condivisa e di lungo periodo. Non stiamo parlando di singoli eventi e di spazi messi a disposizione ma di progetti e azioni capaci di attrarre in questo territorio imprese industriali innovative, in grado di creare occupazione diretta e indotto.

Penso non sia polemica politica ricordare che molte imprese preferiscono altri Comuni rispetto a quello di Arezzo e che sia doveroso domandarsi perché. Comune, Camera di commercio, categorie economiche, sindacati e ordini professionali possono e devono trovare non occasioni una tantum ma protocolli stabili di confronto e azioni condivise. Guardando al futuro senza dimenticare il presente, evitando, ad esempio, che Clouditalia faccia le valige per Firenze.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo