Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 28 Settembre 2021
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 “Il Garante dei diritti delle persone disabili nel Comune di Arezzo”
Conferenze stampa

Contrasto diffusione Covid-19: le operazioni di sanificazione e igienizzazione

9 aprile 2020 - ore 10.00 - Campo di Marte, davanti alla farmacia comunale 1

Nuovi marciapiedi in città

5 marzo 2020 - ore 12.00 - Via Giotto

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Il Garante dei diritti delle persone disabili nel Comune di Arezzo”

Carlettini (FdI): “Atto di indirizzo per il prossimo consiglio comunale”

Giovanna Carlettini (Fratelli d’Italia), durante la prossima seduta del consiglio comunale, presenterà un atto di indirizzo per introdurre nel Comune di Arezzo la figura del Garante dei diritti delle persone disabili.

Gli interventi normativi a favore degli individui con disabilità presentano spesso dei problemi applicativi che creano ostacoli tra la persona e la fruizione concreta del diritto o del servizio – spiega Carlettini. C’è quindi la necessità di una maggiore tutela al riguardo, perché i diritti dei disabili restano frequentemente inattuati o addirittura violati, con una conseguente, dolorosa solitudine per i diretti interessati e per le loro famiglie. Le persone con disabilità, per la tutela dei loro interessi individuali e collettivi, hanno assolutamente bisogno di una figura di garanzia che possa garantire loro pari opportunità, sostegno e che abbia i poteri per semplificare i percorsi amministrativi di regolamenti e normative, come accade già in altri Comuni come Lucca, Siena e Viareggio.

L’articolo 3 comma 2 della nostra Costituzione impone di rimuovere gli ostacoli, economici e sociali, che limitano la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

La ritengo una questione di giustizia sociale, da affrontare per promuovere le opportunità di fruizione dei servizi comunali da parte dei disabili, in relazione a eventuali ritardi e negligenze, anche involontari, nelle attività dei pubblici uffici, e al fine di assicurare il buon andamento e la correttezza dell’attività amministrativa”.

 

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo