Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 28 Settembre 2021
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 “Inchiesta Coingas: Merelli in procura e Ghinelli in silenzio. Il sindaco chiarisca politicamente le sue frasi e il suo ruolo”
Conferenze stampa

Contrasto diffusione Covid-19: le operazioni di sanificazione e igienizzazione

9 aprile 2020 - ore 10.00 - Campo di Marte, davanti alla farmacia comunale 1

Nuovi marciapiedi in città

5 marzo 2020 - ore 12.00 - Via Giotto

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

“Inchiesta Coingas: Merelli in procura e Ghinelli in silenzio. Il sindaco chiarisca politicamente le sue frasi e il suo ruolo”

Nota del capogruppo Pd Luciano Ralli

“La città chiede trasparenza sull’inchiesta Coingas. La giustizia fa il suo corso. La politica il proprio. La prima lavora giustamente in silenzio, la seconda doverosamente deve dare risposte.

I ricordi sfumano nel caldo estivo 2019 ma lasciano intatte e nitide due frasi del sindaco Ghinelli che abbiamo letto sui giornali. Una criptica: ‘tutti devono capire che gli asini volano’. E una chiara: ‘non è accettabile che uno messo lì da noi.. non ci stia a sentire’. Sono contenute in un’intercettazione telefonica: dall’altra parte del filo  un uomo di assoluta fiducia di Ghinelli, l’assessore Merelli. Nell’agenda di quest’ultimo, riportano i giornali, sembra che a giorni ci sia un appuntamento spiacevole ma inevitabile: quello con il Pm che segue l’inchiesta e che ha aperto un fascicolo dove s’ipotizzano reati quali peculato, abuso d’ufficio e favoreggiamento.

E mentre in quella dell’assessore c’è la procura della Repubblica, nell’agenda del sindaco Ghinelli resta l’opzione tra la candidatura a sindaco di Arezzo oppure a presidente della giunta regionale toscana. Ma qualcosa non torna: quelle frasi intercettate non sono compatibili con ruoli istituzionali. Si può  parlare del valore della meritocrazia o fare strategie sul ruolo dei servizi pubblici e poi seguire ben altre pratiche?

Alessandro Ghinelli è ancora sindaco di Arezzo. Aspira a un secondo mandato ma solo come ‘soluzione B’ qualora non andasse in porto la candidatura regionale. Non è un bel segnale per Arezzo che ha la necessità di un sindaco motivato che abbia un unico pensiero e cioè il futuro di una città con problemi sociali ed economici, non certo oscurati dalle luci di Natale, le cui prospettive di sviluppo finiscono per inciampare nelle buche, annegate dalle esondazioni, aggravate dal silenzio e dalla mancanza di risposte.

In qualità di sindaco in carica, in qualità di candidato per un secondo mandato, in qualità di potenziale candidato a presidente della Regione, Alessandro Ghinelli ha il dovere di chiarire, sottolineo oggi, il senso politico delle sue frasi nella vicenda Coingas. Perché chi aspira ad alti onori, deve rispettare inevitabili doveri: il primo è quello della trasparenza.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo