Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 28 Settembre 2021
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 Ghinelli: “Collaborazione istituzionale tradita da un'opposizione senza caratura”
Conferenze stampa

Contrasto diffusione Covid-19: le operazioni di sanificazione e igienizzazione

9 aprile 2020 - ore 10.00 - Campo di Marte, davanti alla farmacia comunale 1

Nuovi marciapiedi in città

5 marzo 2020 - ore 12.00 - Via Giotto

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Ghinelli: “Collaborazione istituzionale tradita da un'opposizione senza caratura”

“Toni da statisti in consiglio comunale, poi dichiarazioni di una bassezza incommentabile. Ci sarà tempo per polemizzare. Io lo farò solo quando sarà tornata la normalità”

Nota stampa del sindaco Alessandro Ghinelli.

 

In politica contano i fatti e il fatto politico di ieri è che la maggioranza ha inteso sostenere in consiglio comunale anche le proposte della opposizione – seppure raffazzonate e scritte senza nessuna logica vera. Lo abbiamo fatto perché qualche volta conta la forma anche dinnanzi alla assenza di sostanza e la forma che abbiamo inteso valorizzare ieri era lo stile di una amministrazione che, in un momento così difficile, tiene tutti insieme perché è giusto che sia così. Si chiama, in gergo politico, "fase istituzionale" ed è quella fase nella quale le parti, seppure distanti, si avvicinano e si riconoscono per unire le forze.

Le fasi istituzionali, però, non si possono sostenere se una parte "sotterra l'ascia" e l'altra parte invece accoltella alle spalle; il clima di collaborazione istituzionale non si può inaugurare se una delle due parti in aula usa toni da "statista" e mezz'ora dopo fa dichiarazioni di una bassezza incommentabile, mescolando la realtà che stiamo vivendo, il dramma di una pandemia, con il sogno nel cassetto della sinistra aretina: usare una inchiesta giudiziaria per incassare un utile elettorale, ricominciando con quei toni da "rastrellamento politico" che trasformano – forse suo malgrado, ma noto che nei panni ci si è accomodato bene – Luciano Ralli in un improbabile, quanto inaffidabile, censore etico. Non c'è nulla di male: ognuno fa politica come può e come sa.

Arriverà il tempo per polemizzare, io lo farò solo quando Arezzo e l'Italia saranno tornate alla normalità.
Adesso non ho davvero voglia di correre dietro ad una opposizione che, purtroppo per tutti, è senza statura, senza cultura, senza caratura istituzionale; una opposizione a cui ieri la maggioranza ha spalancato le braccia in segno di rispetto per la città di Arezzo con una apertura di credito evidentemente sovrastimata per questa controparte”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo