Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 28 Settembre 2021
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 L’angolo del libro sospeso. All’Informagiovani
Conferenze stampa

Contrasto diffusione Covid-19: le operazioni di sanificazione e igienizzazione

9 aprile 2020 - ore 10.00 - Campo di Marte, davanti alla farmacia comunale 1

Nuovi marciapiedi in città

5 marzo 2020 - ore 12.00 - Via Giotto

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

L’angolo del libro sospeso. All’Informagiovani

L’assessorato alle politiche giovanili lancia il progetto Angolo del Libro Sospeso. Uno spazio all’Informagiovani di piazza Sant’Agostino concepito secondo un’idea di Pier Ferruccio Rossi.

L’angolo dedicato al libro sospeso è un luogo accogliente per gli amanti dei libri. Chiunque può sedervisi, prendere un libro, leggerlo, confrontarsi con altri lettori che a loro volta stanno sfogliando un diverso volume, portarlo a casa, rileggerlo tutte le volte che vuole e senza obbligo di restituzione. I libri disponibili, romanzi e saggi, saranno nuovi o in condizioni comunque buone. E se qualcuno vuole donarne, può farlo. L’angolo è aperto in corrispondenza degli orari di accesso all’Informagiovani.

“Questo progetto non prevede regole – ha dichiarato l’assessore Tiziana Nisini – se non quelle della condivisione e dell’ospitalità: i lettori sono come degli ospiti che vengono a trovarci a casa, dove, in genere, offriamo un caffè. All’Informagiovani, invece, un libro. Anche a chi ha difficoltà ad acquistarne, concediamo così la possibilità di continuare a coltivare il gusto e la bellezza del cartaceo. Un grazie alle ragazze della cooperativa Beta 2, che gestiscono Informagiovani per conto del Comune e che, con il consueto entusiasmo, hanno reso possibile il progetto e ne hanno ideato il logo”.

“Stiamo dando vita a una street library – ha aggiunto Pier Ferruccio Rossi – dove il libro sospeso è libero per definizione. Vogliamo che questa libertà diventi contagiosa: un lettore viene all’Informagiovani, si prende un libro, ne lascia uno o due per gli altri e questo è come un motore che genere la spinta necessaria alla forza della poesia e della parola. È il dono che conta. Ricordando che ogni volta che terminiamo la lettura di un libro ci sentiamo gratificati, pronti a dare il nostro contributo alla società”.

Il primo libro sospeso è stato donato proprio da Pier Ferruccio Rossi e forse non poteva che essere quello che si leggeva una volta, alle scuole elementari. Il libro che ha permesso a tanti di cominciare il viaggio attraverso l’immaginazione: “Le avventure di Pinocchio”.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo