Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

lunedì, 27 Settembre 2021
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 L'assessore Tanti: “Gli ospedali Covid sono Arezzo e Grosseto, parola di Asl sud est”
Conferenze stampa

Contrasto diffusione Covid-19: le operazioni di sanificazione e igienizzazione

9 aprile 2020 - ore 10.00 - Campo di Marte, davanti alla farmacia comunale 1

Nuovi marciapiedi in città

5 marzo 2020 - ore 12.00 - Via Giotto

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

L'assessore Tanti: “Gli ospedali Covid sono Arezzo e Grosseto, parola di Asl sud est”

“Mai dato valutazioni sulle offerte sanitarie altrui, non mi spettano né mi interessano. Chiedere scusa a Siena? Per me è una città amica, semmai le scuse e i ringraziamenti vanno agli aretini per le difficoltà vissute a causa dello stravolgimento del San Donato”

Gli ospedali San Donato di Arezzo e Misericordia di Grosseto sono Ospedali Covid, ovvero dedicati alla presa in carico attraverso il ricovero di pazienti risultati positivi al tampone con sintomatologia grave e che necessitano di assistenza medica e infermieristica continua. Al fine di separare il percorso per la cura del coronavirus dagli altri percorsi di cura ospedalieri (…) le altre attività sono state dirottate ad altre strutture (...).

 

“Questo è ciò che si legge nel sito dell'Azienda Usl Toscana sud-est e questo è ciò che spiega la mia osservazione, che di certo non comporta alcuna valutazione circa il contributo sanitario ad una pandemia che, in quanto tale, non può che coinvolgere tutte le strutture sanitarie di tutti i territori”.

L’assessore Lucia Tanti risponde con decisione al direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria Le Scotte Valter Giovannini, che in una nota, condivisa anche dal sindaco De Mossi, ha preso le distanze dalle dichiarazioni dell'assessore circa i presidi Covid della Toscana sud-est.

“Lontana da me la volontà di criticare o addirittura attaccare Le Scotte, come leggo in alcuni giornali”, continua Tanti. “La mia osservazione parte da due considerazioni: la prima che è chiaramente legata a quanto sopra riportato, la seconda è che avere individuato il San Donato come ospedale Covid ha determinato per la sanità aretina una serie di necessari aggiustamenti che hanno stressato fortemente il sistema. Non ho fatto alcuna valutazione funzionale, né sono entrata nel merito della risposta data da Siena all'emergenza sanitaria. Esiste invece una valutazione gestionale della sanità toscana che ci dice che gli ospedali Covid sono Arezzo e Grosseto.

E c'è una evidente differenza tra trattare pazienti Covid e dotarsi di posti letto necessari alle esigenze della zona di riferimento, ed essere presidi sanitari definiti Ospedali Covid: nel primo caso si fanno interventi all’interno di una organizzazione senz’altro rimodulata ma sostanzialmente rimasta invariata nei servizi, mentre essere Ospedali Covid ha determinato una rivoluzione proprio di quei servizi, che hanno obbligato i cittadini a fare fronte ad un cambiamento sostanziale nel loro rapporto con il servizio sanitario.

Singolare che questa basilare differenza sfugga a Valter Giovannini, autorevole voce della sanità in Toscana. Ricordo che da quando il San Donato è uno dei due ospedali Covid della sud-est, questa è stata la riorganizzazione (peraltro costata 13 milioni (sic!) alla Regione Toscana): l'attività di chirurgia generale e specialistica, programmata e in urgenza, spostata al Centro Chirurgico Toscano; la traumatologia minore, ortopedia oncologica dirottate alla Clinica San Giuseppe Hospital; l'attività oncologica, ematologia, dal San Donato trasferite alla palazzina Calcit; l'Hospice e il servizio Scudo - cioè assistenza oncologica - presso Pescaiola nella struttura di Koinè; la traumatologia ortopedica maggiore, radioterapia, entrambe fuori Arezzo e dirottate all'Ospedale La Gruccia di Montevarchi; l'endoscopia e dermatologia anche esse fuori Arezzo presso l'Ospedale Valtiberina di Sansepolcro e le urgenze oculistiche da Arezzo all'Ospedale La Fratta di Cortona e Ospedale Valtiberina di Sansepolcro.

Servizi spostati e ora sparsi anche fuori città nella logica di una scelta che rispettiamo, ma che ha "stravolto" il nostro ospedale. Se scuse devo porre, allora le porgo ai miei cittadini, che si sono trovati ad affrontare moltissime criticità per colpa di nessuno, ma non per questo meno difficili da vivere come testimoniano le numerose segnalazioni che quotidianamente ricevo. Siena è una città amica, e molto, e non solo per questioni di assonanza politica, ma sulle scelte sanitarie regionali mi tengo la totale libertà di dire quello che vedo e quello che penso in una storia che almeno da dopo l’istituzione della mostruosa aslona, vede Arezzo mortificata e mai valorizzata quanto avrebbe meritato, tendenza che proprio in questo ultimo anno e mezzo stiamo tentando di invertire anche grazie al direttore generale Antonio D'Urso", conclude l’assessore Tanti.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo