Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Laretina

Portale del Comune di Arezzo

martedì, 28 Settembre 2021
Portale Ufficio Stampa Archivio comunicati 2019 Petizione popolare a Quarata: la proposta di Arezzo in Comune/Arezzo 2020
Conferenze stampa

Contrasto diffusione Covid-19: le operazioni di sanificazione e igienizzazione

9 aprile 2020 - ore 10.00 - Campo di Marte, davanti alla farmacia comunale 1

Nuovi marciapiedi in città

5 marzo 2020 - ore 12.00 - Via Giotto

Altro…
Attività amministratori

Attività di Giunta

Attività di Consiglio

Archivio attività

Archivio Comunicati

Archivio storico dei comunicati

Archivio comunicati dell'ultimo mese

Archivio comunicati dell'ultimo anno

Esprimi il tuo parere

Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative:

Si

No, e ti dico il perchè

 

Petizione popolare a Quarata: la proposta di Arezzo in Comune/Arezzo 2020

Francesco Romizi: “la giunta Ghinelli è pronta a compiere l’ennesima sfregio. Appuntamento per tutti, giovedì 5 marzo alle 21 al centro sociale della frazione”

Il piano strutturale predisposto dalla giunta Ghinelli e adottato con il voto della maggioranza in Consiglio Comunale contempla un mostro sotterraneo. È infatti prevista una variante alla strada regionale 71 all’altezza di Quarata che si sostanzia in una galleria sotto l’abitato della frazione. Parliamo di oltre 300 metri di tracciato.

Tale ipotesi, avanzata già venti anni fa, venne cancellata per la forte opposizione degli abitanti con una mozione popolare, poi approvata in Consiglio Comunale, nella quale erano indicate due possibili alternative.

Oggi, senza alcun confronto con la popolazione, la giunta ripropone un tunnel che avrà ripercussioni ambientali pesanti e inaccettabili, per l’inquinamento dell’aria, acustico, dei terreni e delle falde. Ai danni di un territorio pesantemente sottoposto da decenni ai disagi derivanti dalle escavazioni e dalle estrazioni di inerti.

Arezzo in Comune lancia dunque una serata, giovedì 5 marzo alle 21 al centro sociale di Quarata, in cui iniziare la raccolta firme per una nuova petizione popolare che eviti tale scempio. Non restano che due cose: la mobilitazione dinanzi all’ennesimo colpo di mano e parafrasare il famoso detto latino, attualizzandolo nel più attuale errare humanum est perseverare autem ghinellicum.

Azioni sul documento

Realizzato con Plone®

2011 © Comune di Arezzo